Cascara sagrada, per un buon transito intestinale

cascara sagrada

Creatività realizzata a partir dell’immagine di Jesse Taylor – Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=20076422

 

La cascara sagrada (Rhamnus purshiana) è una delle piante più usate in fitoterapia, poiché è molto efficace per regolarizzare il transito intestinale in caso di stitichezza occasionale.

Proviene dalla corteccia di un albero originario delle coste occidentali dell’America del Nord, e cresce in climi temperati. Il suo nome vuol dire “corteccia sacra” e le venne attribuito dai conquistadores spagnoli che pensarono, erroneamente, che si trattasse dello shittim, l’albero che nelle sacre scritture fornì a Noè la legna per costruire la sua arca.

Per secoli, la cascara sagrada è stata utilizzata dai nativi americani come purgante. Nel 1877 suscitò l’interesse del dottor J. H. Bundy, che studiava la cultura dei nativi americani, e che la introdusse nella farmacopea dell’epoca come pianta medicinale con finalità lassative.

Proprietà e funzionamento

La principale funzione terapeutica della cascara sagrada è quella di riuscire ad intervenire sulla motilità intestinale favorendo l’evacuazione grazie all’alto contenuto di derivati antracenici presenti nella sua corteccia. Nello specifico, contiene tra il 6% e il 9% di derivati antracenici O ed E-glucosidi, e soprattutto cascarosidi A, B, C e D.

Come funzionano questi composti? Se i principi attivi di questa pianta arrivano nel tuo intestino non svolgono nessuna funziona particolare; sono i batteri che conformano la flora intestinale che li attivano e li trasformano in composti che agiscono sulle pareti intestinali nel modo seguente:

  1. All’inizio stimolano la motilità del colon, aumentando così il movimento della materia fecale e accelerandone il transito.
  2. L’aumento della motilità facilita l’evacuazione e riduce l’assorbimento dell’acqua intestinale, rendendo quindi le feci più idratate, morbide e facili da espellere.
  3. I principi attivi influiscono anche sulla permeabilità delle mucose del colon, facendo in modo che liberino acqua all’interno dell’intestino, favorendo ancor più l’idratazione e quindi l’espulsione delle feci.

Tutte queste qualità rendono la cascara sagrada un ottimo rimedio in casi di stitichezza occasionale.

Come si prende la cascara sagrada

La cascara sagrada è un lassativo i cui effetti cominciano a notarsi dopo 6-8 ore dalla sua assunzione. Per tanto, è consigliabile prenderla di sera prima di andare a dormire, in modo tale che possa fare effetto al mattino. Di solito è consigliabile prenderne tra i 125 e i 375 milligrammi in polvere, ma se il blocco è particolarmente problematico se ne possono prendere fino a 600 mg.

Se si sta seguendo un trattamento con digitalici e con farmaci per il cuore, o in caso di gravidanza e allattamento, è necessario consultare un medico prima di iniziare un trattamento con cascara sagrada.

La cascara sagrada è molto efficace, ma attenzione a non prenderla per più di due settimane di seguito senza aver consultato un medico.

In alcuni casi non è consigliabile prendere cascara sagrada senza la supervisione di un medico:

In caso di allergia o sensibilità alla cascara sagrada.

In caso di ostruzione intestinale, stenosi, atonia, ileo paralitico, appendicite e malattie infiammatorie intestinali (per esempio: Morbo di Cronh, colite ulcerosa).

In caso di dolori addominali di causa sconosciuta.

In caso di disidratazione grave con predita di elettroliti.

In bambini con meno di 12 anni.

Come migliorare il transito intestinale

La cascara sagrada è un ottimo rimedio per sbloccare il transito e regolarizzarlo. Se però sei propenso a soffrire di stitichezza, è consigliabile prevenire il problema. Ecco alcuni consigli utili:

Preserva la tua salute intestinale con integratori di probiotici. Puoi seguire trattamenti periodici che durino almeno due settimane.

Aumenta l’idratazione: bevi almeno 2 litri d’acqua al giorno. Se preferisci, un buon modo per migliorare l’idratazione è bere qualche infusione in più durante la giornata.

Segui una dieta ricca di fibre prediligendo alimenti integrali: cereali integrali, pane integrale, legumi, frutta, fibre e acqua.

Fai regolarmente dell’attività fisica e, se possibile, cammina ogni giorno 30-60 minuti.

Vuoi saperne di più sulle piante e gli integratori? Iscriviti alla nostra newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono marcati con un asterisco *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>