Cucinare insieme ai bambini, un ottimo modo per spingerli a mangiare meglio

cucinare insieme ai bambini in modo che mangino meglio

Sai che i bambini che aiutano in cucina mangiano in maniera più sana? Proprio così: cucinare insieme ai bambini è un modo non solo per intrattenerli e divertirli, ma anche per incoraggiarli a mangiare meglio, poiché si abituano a conoscere e a maneggiare nuovi alimenti che accetteranno con più facilità come nutrimento.

 

Cucinare insieme ai bambini è divertente, stimola la nostra immaginazione, mette alla prova le nostre abilità culinarie ed è il modo migliore per insegnargli a mangiare bene.

 

Imparare a mangiare bene giocando

Ai nostri bambini insegniamo a camminare, ad andare in bagno, a leggere… allo stesso modo dovremmo insegnargli a mangiare bene: aiutarli a comprendere quanto sia importante mangiare verdura e frutta, che le caramelle e i dolci, anche se appetitosi, finiscono per stancarci se ne abusiamo, che i cereali ci danno energia… Insegnamenti preziosi, ma dobbiamo tenere presente che se per un adulto può essere interessante scoprire i segreti nutritivi degli alimenti, i bambini possono annoiarsi con tutte queste nozioni. Meglio cercare strategie diverse per fare in modo che i bambini apprendano il valore degli alimenti.

E qual è in assoluto il modo migliore per risvegliare la curiosità di un bambino? Il gioco! Su internet puoi trovare idee per tanti giochi culinari che aiutano ad istruire i bambini, ma non dimenticare che il miglior parco giochi è proprio la tua cucina, sempre con le dovute precauzioni.

Per cucinare insieme ai bambini in modo divertente dagli un certo margine di libertà, per esempio:

  •     Fargli scegliere gli ingredienti per preparare una ricetta. Puoi scegliere come ricetta base qualcosa di semplice come una frittata, un flan salato o un piatto a base di riso. L’idea è far scegliere ai bambini nuovi ingredienti per sperimentare varianti di una ricetta base.
  •     Fargli maneggiare gli alimenti. È il modo migliore per farli familiarizzare con la loro consistenza, il loro odore, attraverso le sensazioni visive, tattili ed olfattive. Potete preparare pane, biscotti, ciambelle… Altri compiti adatti a loro: sbattere uova, mescolare e impastare.
  •     Fargli decidere come assemblare gli alimenti nei piatti prima di servirli. È un compito semplice e divertente, che gli permetterà di liberare la loro immaginazione e la loro creatività. Lasciali sperimentare con forme, disegni e quello che più li diverta.

 

Pulizia, l’ingrediente segreto

Già sappiamo che mangiare sano non è solo una questione di ingredienti e di tecniche di cottura: la pulizia è fondamentale per garantire una buona qualità di quello che mangiamo. Anche questo aspetto quindi va tenuto in considerazione se vogliamo cucinare insieme ai bambini: cogli l’occasione per insegnargli come muoversi in cucina e quanto sia importante la pulizia. Puoi anche realizzare un piccolo esperimento che li aiuti a capire cosa succede quando non seguiamo scrupolosamente le misure di igiene.

 

Esperimento pulizia: prendi due fette di pane in cassetta, fanne toccare e maneggiare una a tuo figlio o tua figlia con le mani sporche, mentre l’altra fetta potrà toccarla solo dopo essersi lavato bene le mani. Poi mettete le fette di pane in due bustine pulite e trasparenti. Osservate di tanto in tanto le buste e vedrete come la fetta di pane toccata con le mani sporche si riempirà di germi e muffe molto più rapidamente di quella toccata con le mani pulite. È un ottimo esperimento per aiutare i bambini a capire perfettamente l’importanza di lavarsi bene le mani.

 

Il menù si decide tutti insieme

Ogni fine settimana scegliete tutti insieme il menù della settimana successiva. Può sembrati poco importante, ma invece lo è: incoraggiare i tuoi figli a partecipare alla scelta dei piatti che mangerete durante la settimana è interessane ed istruttivo, oltre ad essere un ottimo modo per trovare con loro dei compromessi su cosa mangiare e per farli sentire partecipi e attivi nelle decisioni della vita familiare. Inoltre, in questi momenti di aggregazione familiare potrai spiegargli come organizzare al meglio gli alimenti e in che modo ognuno di essi li aiuterà a farli crescere forti, sani e pieni di energia.

Per rendere questi momenti più divertenti puoi organizzarli come se fossero un gioco. Per prima cosa scegliete tutti insieme quali ricette seguire, per esempio:

  •     Facendo una lista con le vostre ricette preferite e incoraggiandoli a fare un disegno per ogni ricetta, per poi ritagliarlo come per farne una scheda.
  •     Cercando nuove ricette salutari. Se vuoi, puoi entrare nella nostra sezione “Le mie ricette”, di sicuro troverai delle idee interessanti. Non dovrai far altro che stamparle e ritagliare le immagini da usare come schede.

Quando avrai raggruppato un buon numero di ricette gustose e varie puoi far decidere a loro come suddividerle durante la settimana. Puoi preparare una specie di tabellone con i giorni della settimana così che loro possano inserire la scheda di ogni piatto nella rispettiva casella di giorno e pasto. Ovviamente sempre guidandoli con la tua esperienza.

 

Cucinare insieme ai bambini è divertente, istruttivo e un modo sano per abituare tutta la famiglia a mangiare meglio.

 

Ricette sane, dispense ben fornite

Se i tuoi bambini sono piccoli, l’ideale è che le ricette le decida tu, se invece sono adolescenti, puoi lasciargli maggiore libertà di sperimentazione e perfino incoraggiarli a creare da soli i loro piatti. Se lo fai attraverso il gioco o come se si trattasse di un concorso di cucina, li motiverai anche a fare delle ricerche per conto loro sull’alimentazione e ad amare questa attività così essenziale.

Per questo è importante che i tuoi figli ti aiutino a fare la spesa. Sarà anche questo un modo per provare alimenti nuovi che magari non siete soliti includere nella vostra dieta quotidiana. Magari al riso e alle lenticchie potete aggiungere anche le gallette di riso, le tostatine leggere, la quinoa, il miglio, il grano saraceno, il lino e la chia.

 

Alcune cose da tenere in considerazione

Per finire, non dimenticare che i bambini hanno la loro personalità e, proprio come noi adulti, non sempre hanno lo stesso appetito, possono desiderare un cibo più di un altro e di solito amano molto i dolciumi. Ecco qualche idea per aiutarli a mangiare in casa in modo più salutare:

Evita di avere in casa dolci e cibo spazzatura. Caramelle e merendine sono una tentazione per tutti, per cui, come si dice, lontano dagli occhi lontano dal cuore. Non sono proibiti, ma meglio limitarli ad occasioni speciali e meglio ancora se ti abitui a prepararli in casa, saranno sempre più salutari e divertenti.

Che le porzioni siano adeguate, perché l’appetito si attiva in base alle dimensioni delle porzioni e può variare anche in base alla fase di crescita del bambino. Porzioni eccessive non sono salutari: meglio se adatte alla sua costituzione e alla sua età.

Che i pasti siano un momento allegro: creare un clima rilassato e gradevole a tavola è indispensabile affinché i bambini possano sviluppare un rapporto sano con il cibo, imparando ad apprezzarlo e a dargli valore.

Mangia insieme ai tuoi figli, l’esempio è il miglior modo per insegnargli a mangiare di tutto. Sarà anche per te un incentivo a imparare a mangiare meglio e con maggiore varietà.

Scegli una presentazione nei piatti curata e possibilmente divertente, perché, oltre a olfatto e gusto, anche l’occhio vuole la sua parte. Lascia campo libero alla tua creatività e fatti suggerire nuove idee dai tuoi bimbi.

Adesso disponi di un bell’arsenale di idee per educare i tuoi bambini a un’alimentazione salutare. Non ti resta che metterle in pratica: vedrai che saranno di grande aiuto, e non solo per mangiare meglio. Buon lavoro e buon divertimento!

Se vuoi provare nuovi alimenti salutari puoi chiedere consiglio nei nostri punti vendita. Scopri qual è quello più vicino a casa tua e contatta i nostri esperti: risponderanno a tutte le tue domande sugli alimenti Santiveri.

donde-comprar_1_IT

Vuoi saperne di più sulle piante e gli integratori? Iscriviti alla nostra newsletter.​