Digestioni pesanti: ecco perché combatterle è più semplice di quello che pensi

Digestioni pesanti

Senza dubbio il senso del gusto è quello che viene soddisfatto di più durante le feste natalizie. L’apparato digerente invece è quello che soffre di più a causa dei cambiamenti nelle nostre abitudini alimentari e dei pasti abbondanti dei giorni di festa. Seguendo questi consigli, però, forse quest’anno riuscirai ad evitare le digestioni pesanti e il tuo organismo te ne sarà di certo grato.

Una digestione lenta può essere causata da un problema congenito, da incompatibilità alimentari, da un’insufficiente secrezione di enzimi digestivi e, più frequentemente, da eccessi alimentari.

Qual è la dieta migliore per evitare la pesantezza e l’acidità di stomaco? Bisognerebbe limitare soprattutto le proteine animali, gli alimenti grassi e i dolci; le xantine contenute nel caffè e nel tè nero; le spezie irritanti, i sottaceti e l’alcool. Tutti questi alimenti, infatti, possono provocare digestioni pesanti e problematiche.

Rispettare gli orari dei pasti è un’altra regola d’oro per poter avere delle digestioni leggere: invece delle classiche tre volte al giorno, possiamo ridurre le quantità dei nostri pasti e mangiare cinque volte al giorno. Cenare almeno tre ore prima di andare a dormire può risparmiarti parecchie notti insonni…

Inoltre il famoso proverbio “Colazione da re, pranzo da principe e cena da povero” continua ad essere estremamente valido: è preferibile cenare con alimenti più leggeri e digeribili (brodo, creme e zuppe di verdure) specialmente in inverno.

Pasti molto abbondanti, mangiare in fretta o senza la tranquillità necessaria possono provocare digestioni pesanti e problemi digestivi.

Infusioni anti-digestioni pesanti

Ovviamente, le abitudini alimentari sono la cura migliore per non soffrire di digestioni pesanti. Esistono però alcuni integratori alimentari che possono aiutarci in proposito.

Una scarsa secrezione di enzimi digestivi, per esempio, può essere migliorata grazie a degli integratori alimentari che contengano enzimi digestivi naturali provenienti da ananas (bromelaina), papaya (papaina) o kiwi (actinidina).

Santiveri offre anche integratori come Ulce (in polvere o in capsule), a base di enzimi di ananas, kiwi e papaya, e Florase Intest, elaborato con lattobacilli. Questi integratori contribuiscono entrambi a un corretto funzionamento dell’apparato digerente e ad equilibrare la microflora intestinale.

Nella maggior parte dei casi, inoltre, l’uso di piante o spezie eupeptiche può alleviare notevolmente il processo digestivo. Puoi provare un combinato di santoreggia montana (Satureia hortensis), basilico (Ocinum basilicum), dragoncello (Artemisia dracunculus), verbena (Verbena officinalis), camomilla (Matricaria chamomilla), menta piperita (Mentha piperita)  e genziana (Gentiana lutea). Ne esistono preparati in perle, estratti o capsule che combinano tutti questi tipi di piante e che si possono mangiare dopo ogni pasto.

Terminare ogni pasto con una buona infusione di piante digestive è un ottimo modo per prevenire digestioni pesanti.

Zenzero e probiotici

Mantenere in buona salute il nostro intestino è fondamentale per evitare fastidi digestivi e digestioni pesanti. Preservare il nostro microbiota intestinale è uno dei modi migliori per riuscirci. Alimentarci con fibre prebiotiche che nutrono i nostri batteri intestinali e, di tanto in tanto, integrare la nostra alimentazione con dei probiotici ci aiuterà a mantenere in buona salute il nostro intestino.

Compatibilità alimentare

Se i sintomi tipici delle digestioni pesanti si presentano con frequenza, può essere una buona idea rispettare le cosiddette “Regole dell’Incompatibilità Alimentare”. Ecco il nostro decalogo:

Combinazioni da evitare:

–       Proteine con frutta, fecole, legumi e farinacei. Per esempio: frutta e pane.

–       Ortaggi con frutta acida, semiacida e dolce. Per esempio: ortaggi cotti al vapore e frutta acida.

–       Fecole, farinacei e legumi con frutta acida (agrumi, fragole, prugne, ananas…). Per esempio: fagioli e frutta.

Combinazioni semi-compatibili:

–       Frutta con latticini fermentati come yogurt e kefir, a meno che non si soffra di intolleranza al latte di origine animale.

Combinazioni raccomandate:

–       Ortaggi e verdure con proteine e grassi. Per esempio: ortaggi al vapore conditi con olio vegetale di prima spremitura pressato a freddo; pesce condito con olio vegetale di prima spremitura pressato a freddo.

–       Ortaggi e verdure con fecole, legumi e farinacei con grassi. Per esempio: ortaggi o patate al vapore conditi con olio vegetale di prima spremitura pressato a freddo.

–       Fecole legumi e farinacei con grassi. Per esempio: fagioli ed olio.

 

Vuoi saperne di più sulle piante e gli integratori? Iscriviti alla nostra newsletter.