Funghi medicinali: rafforzare il sistema immunitario naturalmente

Funghi medicinali
I funghi medicinali furono utilizzati per millenni sia nell’alimentazione che come elemento fitoterapico, per la ricerca del benessere e dell’equilibrio energetico.

I funghi medicinali sono rimedi preziosi e naturali presenti in molte culture antiche e in quasi tutti i sistemi di cura. La micoterapia nelle medicine tradizionali inizia più di 4.000 anni fa.

A che servono i funghi?

I funghi hanno un ruolo ecologico importantissimo perché decompongono il materiale organico e lo trasformano in nuove sostanze nutritive per le piante. Dopo il regno animale, quello minerale e quello vegetale, c’è il regno dei funghi che non sono né piante, né animali: sono qualcosa di diverso.

I funghi medicinali contro lo stress

L’ambiente in cui viviamo ci sottopone a numerosi tipi di stress: fumo, inquinamento, sostanze chimiche ambientali, additivi chimici alimentari, stress psicofisico, farmaci, radiazioni, onde elettromagnetiche ecc. L’incapacità di gestire uno stress eccessivo porta ad una diminuzione delle prestazioni dell’organismo, ad uno squilibrio del sistema immunitario e all’esordio di somatizzazioni e malattie con tendenza a cronicizzare: malattie cardiovascolari, malattie autoimmuni, malattie tumorali, depressione, problematiche digestive, allergie, ecc. I funghi medicinali o terapeutici permettono di effettuare una migliore gestione dello stress, un riequilibrio generale dell’orgnismo, ripristinandone in questo modo il funzionamento. Sono dei “tonici” e rinforzano l’organismo.

I funghi medicinali permettono di effettuare una migliore gestione dello stress e un riequilibrio generale dell’orgnismo.

Betaglucani: i principi attivi principali

I betaglucani sono definiti BRM Biological Response Modifiers (modificatori di risposta biologica o adattogeni) perché svolgono la loro azione immunomodulante attivando l’immunità dell’organismo ospite. Il contenuto in betaglucani della linea Micosan di Santiveri è tra i più elevati nel mercato.  Quali principi attivi ausiliari contengono: lectine, steroli, triterpeni, statine naturali, adenosine, penicilline-cefalosporine.

Funghi come prebiotici

I funghi sono una sorta di fertilizzante intestinale, infatti promuovono la crescita di batteri benefici probiotici. Tra i prebiotici i funghi sono una classe superiore: esplicano un’ azione microbicida grazie ai terpenoidi e rispettano i batteri che ci proteggono.

La micoterapia

I funghi furono utilizzati per millenni sia nell’alimentazione che come elemento fitoterapico, per la ricerca del benessere e dell’equilibrio energetico. Negli ultimi 30 anni sono stati effettuati numerosi studi scientifici sia clinici che genetici. La medicina occidentale si è orientata all’isolamento e utilizzo di composti farmacologici per dare una spiegazione agli effetti terapeutici evidenziati sperimentalmente. La micoterapia è lo strumento per la ricerca del benessere e della salute duraturi nel tempo. Da queste ricerche sono emerse caratteristiche comuni tra tutti i fungi medicinali, che dimostrano proprietà: immunomodulanti, antiossidanti e antiinvecchiamento.

Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le migliori ricette, le nostre notizie e le ultime tendenze per una vita sana: www.santiveri.com/it/newsletter.