Sciroppo d’acero & Co., gli alleati per depurare l’organismo

sciroppo d’acero sirope de savia curas depurativas

La primavera è un ottimo periodo per cominciare una cura di disintossicazione, ma anche la fine delle feste natalizie e l’autunno sono dei buoni momenti per rimettersi in sesto ed eliminare le tossine. Lo sciroppo d’acero, le piante epatiche, depurative e drenanti ci facilitano il compito aiutandoci ad eliminare tossine e scorie dall’organismo.

Le diete depurative, come quella a base di sciroppo d’acero, aiutano l’organismo a depurarsi e a rigenerarsi.

Esistono molti tipi di cure depurative, ma quasi tutte consistono in ridurre gli alimenti che producono maggiori quantità di scorie aumentando quelli che favoriscono l’eliminazione di scorie e tossine.
La durata di una cura depurativa varia a seconda del tipo di dieta (può essere più o meno rigida) e può limitarsi a uno o due giorni o prolungarsi per varie settimane. È preferibile, invece di iniziarne una per conto nostro, farci seguire da un medico o da un terapeuta, che sapranno monitorarci e garantirci che il nostro organismo la può tollerare senza problemi. Ovviamente, se notiamo degli effetti indesiderati, è meglio sospenderla.

La cura dello sciroppo d’acero

È uno dei trattamenti depurativi più famosi. Conosciuto anche come dieta dello sciroppo d’acero, si tratta di una dieta di semi digiuno che consiste nel limitare l’alimentazione esclusivamente a un prodotto elaborato a base di sciroppo d’acero, succo di limone, acqua e un pizzico di peperoncino. In questo modo il corpo continua ad essere fornito di calorie ma riducendo l’azione dell’apparato digerente, che può rallentare e riposare.
Poiché questo trattamento prevede una riduzione significativa dell’ingestione di alimenti, è conveniente farsi guidare e seguire da un terapeuta o da un nutrizionista, che possa garantirci e consigliarci sulla convenienza di questo tipo di dieta.
Lo sciroppo d’acero possiede anche altre qualità interessanti: è totalmente naturale e viene estratto dalla linfa dell’acero, un albero caduco che cresce nell’America del Nord. Nella gastronomia anglosassone, lo sciroppo d’acero viene utilizzato come dolcificante naturale da aggiungere ai dolci e ai famosi pancake. Ma lo sciroppo d’acero è anche un ottimo ricostituente, poiché, oltre agli zuccheri, apporta anche buone quantità di minerali.

Dieta depurativa e alcalinizzante

Evitare di saturare il nostro organismo dovrebbe essere il primo passo per depurarlo. Le diete alcalinizzanti ci danno una mano in questo senso, poiché contribuiscono a rendere meno acido il nostro metabolismo.
Per alcalinizzare la nostra dieta possiamo sostituire i cereali raffinati con varianti come la quinoa, il miglio e i tubercoli. È anche conveniente sostituire la carne con i legumi, e lo zucchero bianco con zucchero di canna integrale. Bisogna aumentare le quantità di verdura e ortaggi, che sono gli alimenti maggiormente alcalinizzanti, e consumare quelli di stagione, perché siano più freschi e nutrienti.
Grazie a una cura alcalinizzante noteremo un incremento sia della nostra vitalità sia della nostra lucidità mentale e un miglioramento di fastidi fisici.

Piante depurative

Un altro modo per eliminare scorie e tossine è quello di stimolare le nostre vie di depurazione, e troviamo delle potenti alleate nelle piante medicinali, che spesso vengono elaborate sotto forma di sciroppi ai quali viene aggiunto anche lo sciroppo d’acero:
Piante epatiche e disintossicanti che stimolano la funzione disintossicante del fegato e ne facilitano l’eliminazione attraverso la bile: boldo (Peumus boldus Molina), carciofo (Cynara scolymus), dente di leone (Taraxacum officinale), ecc.
Piante drenanti, che contribuiscono a eliminare le scorie attraverso l’urina: coda cavallina (Equisetum arvense), betulla (Betula pendula), corteccia, bardana (Arctium lappa), e ortica (Lamium album), ecc.
Piante diaforetiche, che aiutano a eliminare le tossine attraverso la sudorazione: salsapariglia (Smilax), ortica (Lamium album), bardana (Arctium lappa), sambuco (Sambucus nigra L.), ecc.


E inoltre…

  • Che decidiamo di seguire una dieta, un trattamento o ricorrere alle piante medicinali, dobbiamo sommare alle nostre scelte depurative un pizzico di senso comune, e considerare che se vogliamo depurarci ed eliminare residui dovremmo prima di tutto:
    •             Evitare le bevande alcoliche.
    •             Sfuggire al tabacco e allontanarci il più possibile da zone con forti esalazioni industriali e dalle grandi vie di traffico.
    •             Scegliere alimenti di agricoltura biologica, che non contengano né pesticidi né antiparassitari.
    •             Fare un po’ di attività fisica moderata, per stimolare il nostro metabolismo.
    •             Cucinare in modo semplice e scegliere utensili che non disperdano residui.
    •             Bere molta acqua, almeno due litri al giorno.

Vuoi saperne di più sulle piante e gli integratori? Iscriviti alla nostra newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono marcati con un asterisco *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>